Q come Quotes (incitanti citazioni)

Le citazioni sono importanti, condensano in poche parole contenuti che vanno dritto al cuore. Nell’organizzazione, così come in ogni ambito legato alla crescita (personale, professionale) se ne fa largo uso. Parlano per noi, ci aiutano, ci sostengono, ci indirizzano.

Quella che segue è una lista delle mie cinque citazioni preferite: in cima alla lista naturalmente non può che esserci quella che ha ispirato Imperfetto Ordine.

L’organizzazione non riguarda la perfezione: riguarda l’efficienza, la riduzione dello stress e del disordine, risparmio di tempo e denaro e miglioramento della qualità della vita complessiva”

C. Scalise, Professional Organizer

Perchè l’ho scelta: come abbiamo già visto, spesso si tende a confondere l’organizzazione con la perfezione o la rigidità mentale e ad identificare le persone organizzate come “perfettine” e maniache dell’ordine. L’organizzazione non serve a nulla se non è orientata al miglioramento della qualità della vita e se non è finalizzata a trovare il tempo per le nostre priorità.

“Nel riordino, l’importante non è scegliere cosa buttare, ma cosa tenere.”  

M. Kondo, “96 lezioni di felicità”

Perchè l’ho scelta: quando riordiniamo siamo sempre ossessionati dall’idea di dovere eliminare (buttare, donare, riciclare), cosa che scatena spesso una certa ansia, mentre ben più importante sarebbe in realtà chiedersi cosa vogliamo tenere. Il criterio di scelta che sta alla base può essere rappresentato dalla gioia che un certo oggetto è ancora in grado di donare, come insegna la Kondo, oppure dalla sua funzionalità o utilità, non fa molta differenza, l’importante è mantenere il focus su ciò che scegliamo di continuare a mantenere.

“Che cosa faresti, se non avessi paura?”

S. Johnson, “Chi ha spostato il mio formaggio?”

Perchè l’ho scelta: credo che questa frase sia molto potente, forse perché è così breve, così immediata. Sta di fatto che tutte le volte che la leggo ho l’impressione di ricevere una scrollata! Il libro da cui è tratta parla di cambiamento, della paura che spesso ci accompagna quando lo subiamo e di quella che ci frena quando a voler cambiare invece siamo noi. In ambito organizzativo ho incontrato questa paura molte volte, dietro a un abito, a vecchie foto, alla confusione sugli scaffali. La paura è come uno schermo opaco che sta davanti al cambiamento; si può intuire la forma del nostro futuro, ma solo togliendola di mezzo si vede con chiarezza!

“Il disordine non è solo roba sul pavimento. E’ qualsiasi cosa che sta fra te e la vita che vuoi vivere.”

Peter Walsh, Professional Organizer

Perchè l’ho scelta: questa frase va proprio a braccetto con quella precedente. Le persone sono spesso bloccate dalla paura non solo di lasciare andare, ma anche di dover prendere decisioni che rendano possibile la trasformazione. Liberarsi di vestiti che, anche se sono ancora della nostra misura, non ci rappresentano più, ha molto a che fare con il lasciare andare la persona che siamo state, accettare quello che siamo oggi e dare spazio a chi vorremo essere domani. Il disordine, poi, toglie energie e confonde i pensieri; tutto il marasma che abbiamo intorno non fa altro che tenerci inchiodati fra passato e presente, nella staticità di una sicurezza che è solo apparente e che, sotto sotto, non desideriamo più. 

“Non ho tempo” è la versione adulta di “Il cane ha mangiato i compiti.”

Anonimo

Perchè l’ho scelta: questa citazione riassume perfettamente il senso dell’età adulta, quando diventi il genitore di te stesso e ciò nonostante continui a raccontar(ti) balle come se avessi ancora 8 anni! Dietro a questa frase si nascondono le scuse più bieche per non fare quello che in fondo, ma neanche tanto, sappiamo di dover fare. Questa citazione mi ha chiarito il vero significato della parola “priorità”. Da piccola mi chiedevo di quali “cose importanti” sarebbe stata piena la mia agenda di adulta; ora che lo sono diventata, scopro con amarezza che, spesso, la mia lista è piena sì di priorità, ma di altri! Allora “non ho tempo” diventa un comodo alibi per non mettere in discussione gli equilibri, per non impegnarsi più di tanto e per non cambiare ritmi e abitudini dannose, scaricando all’esterno la responsabilità.

Queste erano le mie “top five” citazioni di organizzazione preferite, quali sono le tue? Condividile con me!

C come Crescita, Chiarezza e Consapevolezza

Crescita.png

Dove c’è organizzazione c’è crescita, questo è un dato di fatto.

C’è crescita soprattutto di tipo personale, ma anche nell’ambito del lavoro e nel rapporto con gli altri. Un po’ come accade quando si riordina una stanza e ci si libera di tutto quello che non serve più recuperando spazio prezioso, allo stesso modo succede con il tempo a nostra disposizione.

Quando l’organizzazione entra nella nostra vita, lo spazio e il tempo vengono modificati in base alle nostre vere necessità e priorità e ci viene restituito il tempo per coltivare interessi e passioni. Eliminando la confusione e concentrandoci su quello di cui realmente sentiamo il bisogno, si fa anche chiarezza: è più evidente quello che abbiamo, ma soprattutto quello che ci manca.

Così come dopo aver risistemato capiamo subito se abbiamo bisogno di nuove scarpe o nuovi bicchieri, eliminando il rumore di fondo dalle nostre giornate  ci è più chiaro quali sono i legami che contano davvero, la direzione che si vuole dare alla propria vita privata o lavorativa, le cose di cui si può fare tranquillamente a meno e quelle che invece ci risultano indispensabili per andare avanti.

L’organizzazione è un viaggio che spesso origina proprio dalle banali difficoltà vissute nel quotidiano e che comincia davvero solo quando le persone prendono coscienza di quello che vogliono cambiare, del traguardo a cui vogliono arrivare e soprattutto delle motivazioni alla base del processo.

A volte, infatti, ci assale un dubbio

Quello che sto facendo ora, può essere fatto in maniera più scorrevole e meno faticosa? Quando ci facciamo questa domanda cominciamo a guardare ciò che abbiamo intorno a noi con occhi nuovi,  creando la consapevolezza che le cose possono essere fatte in maniera diversa, migliore.

Facendoci guidare in questo percorso dalla chiarezza e dando finalmente spazio a quello che per noi è realmente importante, possiamo generare con le nostre forze importanti cambiamenti in tutti i settori della nostra esistenza.

Cosa ne pensi della relazione fra organizzazione e crescita della persona? Pensi che i benefici dell’organizzazione possano estendersi anche ad altri ambiti oltre a quelli dell’ambiente che ci circonda?